Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
23 aprile 2012 1 23 /04 /aprile /2012 12:26
    
    l3

       
   
E sì, Superboy è un fine poliglotta... Ieri gli ho chiesto di tradurmi "a glass of milk".

"Facile, ma': la glassa al latte!"
 
E con l’inno della Union Jack non va molto meglio, leggete qui: L’anglofilo
Accetto consigli... Che ne dite, sarà meglio ripetere il nostro viaggetto a Londra? Che ne so...Tipo due o trecento volte? 
                                                                                  
                                                            
l2      
                                                        l1
                                                   
                      l4
 
l5
Repost 0
11 settembre 2011 7 11 /09 /settembre /2011 16:09


E LE CHIAMANO VACANZE 

Vi chiedo uno sforzo estremo di pazienza per leggere questo post:  Sfiga.
Sapete come ci siamo organizzati? A cacchio di cane, chiaramente. Superboy è una sorta di scienziato pazzo che costruisce un robot con i barattolini avanzati dell’Actimel, uno che non comprende il significato della parola “relax” neanche se gliela spieghi con disegnini esplicativi. Uno che senza fare un cavolo, per intenderci, proprio non ci sa stare e che ti chiama ottocentocinquamilioni di volte al secondo, e non smette neanche se ti fingi morta come fanno gli opossum davanti ai predatori. A lui serve sempre qualcosa, sempre.

Quando non girovaghiamo per parchi comunali o andiamo a sguazzare in piscina, lui fa i lavoretti. Ho un armadio stracolmo di lavoretti; appena trovo un attimo di tempo vi posto una foto. Una roba da non credere: sembra il magazzino di Art Attack.

In parte è anche “colpa” mia, visto che detesto parcheggiarlo davanti alla TV, se non i casi estremi e disperatissimi, e che non ha il permesso di giocare con i video games, perché se gliene metti in mano uno, non smette fino a quando non gli vengono le convulsioni.  

Mi è stato sempre incollato alle costole per 3 mesi. E se vi dico sempre, fidatevi: intendo dire SEMPRE. Mentre lavoravo a qualche pezzo (al 99% urgentissimo), si affacciava alla porta chiedendomi dove potevamo trovare della torba secca per la sua mini serra, oppure se era possibile fare un salto al negozio del cinesino ( fidato spacciatore dei materiali più disparati per le sue invenzioni ) perché gli serviva assolutamente un metro quadro di stoffa in vinile, naturalmente di tre colori diversi. Naturalmente…

Ma non è stato questo il problema, non totalmente. Lavoro tutti i giorni, spesso anche durante i week end. Ma, anche se ho delle scadenze ben precise da rispettare, perlomeno non ho l’obbligo di timbrare un cartellino. Quando lui al mattino non c'è, lavoro tranquillamente. E' ovvio. Ma quando c'è sono cacchi acidi.

Lavorare da casa comporta i suoi vantaggi, non discuto. Ma non sono poi tanto straordinari, quando la scuola è chiusa. Non hai la scusante di poterlo  affidare a qualcuno, “Tanto non devi andare in ufficio, beata te! Puoi lavorare e occuparti di lui, no?”.

Certo, come no! E’ una cosuccia da niente: basta buttarsi giù dal letto ogni santo giorno all'alba  e, se ti avanza del lavoro (e avanza sempre, fidatevi!) lavorare di notte. "Può stare vicino a te mentre scrivi, buono buono ad incollare figurine in un album, no? E poi tu sei tanto fantasiosa, vuoi che non gli trovi qualcosa di divertente da fare mentre tu lavori?"

Allora, chiariamo un concetto: 1) Mio figlio non sta buono buono ad incollare figurine in un album. Anche perchè se così fosse, penserei che abbia sbattuto violentemente la testa e mi prenderebbe un colpo 2) Sì, ho fantasia, per carità di Dio! Ma non riesco a trovargli sempre un'occupazione piacevole mentre io devo lavorare. E lui ha le sue tempistiche, come tutti i bambini. Ci metto 40 
minuti buoni per convincerlo che farsi il bidè dopo aver partorito due chili di cacca è procedura buona e giusta. E' il tempo materiale che mi manca, non la fantasia...

No, non è facile. Perché  io non posso beneficiare dell’aiuto dei nonni. Lo cresciamo io e Papy, punto. E visto che mio marito il cartellino è obbligato a timbrarlo tutti i giorni, chiaramente all’ 80% di Superboy me ne occupo sempre io.   

Quest’estate è stata un delirio, perché il mio ( di solito rompicoglioni, ma educatissimo bambino) ha pensato bene di trasformarsi in un adolescente ribelle, e della peggior specie. Gli capita, di tanto in tanto, soprattutto nelle notti di luna piena.

 Ho collezionato una serie di figure di merda che mai, e sottolineo mai, avrei pensato di dover affrontare: scatti di rabbia, rispostacce strafottenti, ribellione e disubbidienza ai massimi storici. E questo ai danni del mondo intero: me e il papà per primi, poi è passato agli altri adulti, ai bambini, ai cani, alle rocce, ai soprammobili, ai vegetali, ai Gormiti.  Ha iniziato ad odiare cose che solitamente gli piacevano la pazzi: la socializzazione, gli animatori, la baby dance, le “ragazze” e soprattutto il centro estivo.

Niente centro estivo, quest’anno. Due settimane appena, non c’è mai stato un giorno di più, ma erano due settimane benedette. L’esperienza quest’anno di 5 e sottolineo soltanto 5 giorni presso un centro estivo è stata disastrosa: lo torturavano, lì. Ogni giorno, e con strumenti che avrebbero fatto invidia al peggior aguzzino professionista. Così, ci è andato per 5 giorni scarsi. Il Venerdì sono stata costretta ad andarlo a riprendere all’ora di pranzo, perché “stava malissimo”.

Niente baby club, quest’anno, lui che di solito dopo cinque minuti diventa il primo assistente degli animatori del villaggio. Durante l’unica settimana di autentiche ferie che mi sono concessa è sempre stato incollato al padre, con un muso lungo così. Di me non voleva saperne, mi parlava soltanto in casi di reale necessità e sempre con un tono sgarbato.

Un cinghiale misantropo e ringhioso: ecco cosa è stato il mio bambino negli ultimi 90 giorni. Rabbioso, contestatore, disordinato, strafottente ma al tempo stesso un asfissiante mammone. Mostruosamente impegnativo, per farla breve.

Questo post non è né interessante né divertente. Come il 90% dei miei post, d’altronde. Ma lo pubblico per farvi sapere che domani lancerò mio figlio fra le braccia della maestra, a cancelli ancora chiusi. E non andrò a riprendermelo prima di una settimana. Così, se nel pomeriggio il TG darà la notizia : “Madre degenere di Roma abbandona figlioletto alle elementari”, sappiate che quella Regina del Male sono io. E denunciatemi pure, senza farvi problemi. Anzi: mi fate un favore mica cavoli!

In prigione ci si riposa di brutto, così dice l’ex galeotto che abita a pochi metri da casa mia. Hai visto mai che  finalmente mando a morire ammazzate un po’ di rughe?

PS PER SUPERBOY: Tesoro di mamma, lo so che smanetti con il pc assieme a papà e che ogni tanto leggi il mio blog. Ti ho sputtanato alla grande, gioia mia. Ma in questi 3 mesi me li hai fatti veramente a peperini. Ti amo da morire, non dimenticartelo mai, ma vedi di darti una regolata che un giorno di questi ti abbandono sul serio alla fermata dell’autobus…
  

 

Repost 0
7 agosto 2011 7 07 /08 /agosto /2011 10:38
presto onlineAnnuncio ai naviganti che dovessero incautamente approdare su questi lidi: il blog è sospeso fino a data da destinarsi. Vado più o meno in vacanza, visto che continuerò a lavorare, per quanto possibile.

E la destinazione è uno dei pochi angolini sperduti nello Stivale dove far funzionare una chiavetta mi regalerebbe il Nobel per la Scienza e la Tecnologia.

Il primo internet point accessibile dista 15 km dal luogo X ; 15 km di curve a gomito che fanno lievitare il percorso in modo esponenziale.

Se vi va, lasciatemi pure un saluto, ma non allertate la Protezione Civile né sguinzagliate cani san bernardo in mio aiuto se tarderò due/tre settimane nel rispondervi. Sarò dispersa fra i monti, è vero, ma non in pericolo di vita o precipitata in un crepaccio : semplicemente tagliata fuori dal Web.

Il che, a dirla tutta, è un regalo che tutti i frequentatori assidui della Rete dovrebbero concedersi, di tanto in tanto.

Strepitose vacanze a tutti!




Repost 0
2 agosto 2011 2 02 /08 /agosto /2011 18:28
cenerentolan. 3 lavatrici da 6 kg da stirare... Fatto.

80 mq di pavimento candido da tirare a lucido... Fatto.

n. 2 bagni lordi da disinfettare... Fatto.

n. 3 rampe di scale da lavare... Fatto.

X tonnellate di polvere da tirare via… Fatto.

n.3 terrazzini impastrocchiati di cacca di piccione e fango… Puliti.

A Cenerè, sorella mia, qui le soluzioni sono due: o gliela spieghi tu la strada di casa mia a quella rincoglionita della Fata Smemorina, oppure alzi quel grazioso culetto secco e mi vieni a dare una mano.

Non so tu, ma io se vado avanti così a mezzanotte non c’arrivo di sicuro.

Delirio tratto dalla serie: “ Come annullare i benefici di una breve vacanza in poche, abili, mosse.”


Repost 0

Chi Sono

  • : La Staccata
  • La Staccata
  • : Luana Troncanetti, scrittrice per caso, schiava devota dell'ironia, grafomane incallita e mamma strafelice di Alessandro, aka Superboy. Nel 2009 ho vinto il Premio Massimo Troisi per la scrittura comica e sono ancora qui a disegnare cerchietti in un angolo e a chiedermi: "Ma che s'erano pippati quelli della giuria?"
  • Contatti

Sneakers o tacco 12? Scegli il tuo banner!

Mamma staccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

mamma taccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

Bogo Approved Blog

bogo approved blog   

Archivio

I miei libri

More about Enciclopedia degli scrittori inesistenti More about Le mamme non mettono mai i tacchi More about Aggiungi un porco a favola More about Tris di risate More about Se mi lasci non male More about Hai voluto la carrozzina?