Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
18 ottobre 2012 4 18 /10 /ottobre /2012 15:03

influenza.jpg

Poiché non aggiornavo il blog dai tempi in cui in Italia impazzavano i Lanzichenecchi, riciccio per rassicuravi sul fatto che respiro ancora, anche se con qualche lieve difficoltà. L’ultimo post risale al lontano 5 Ottobre. Difficilmente lascio correre tanto tempo fra la pubblicazione di una corbelleria e un’altra, e in questa occasione non posso neanche addurre come scusa gli impegni familiari o lavorativi.

Ho rallentato da tempo i miei ritmi, ho persino ripreso a cucinare a manetta (un’antica passione accantonata da secoli per assoluta mancanza di tempo), a fare ginnastica e sto rispolverando il preistorico sogno di frequentare un corso di disegno, anche se non ho ancora trovato una struttura che organizzi le lezioni all’una di notte, l’unico momento libero della mia giornata. Nonostante abbia sfrondato di brutto molte attività, vi assicuro che qualcosina per riempire le 24 ore di impegni ce l’ho anch’io.   

Ho disertato il blog perché sono stata male. Nulla di mortale, altrimenti ora sarebbe a dir poco complicato stramene qui a scrivere scemenze, ma è stata una cosuccia che mi ha tolto parecchie energie. Evito di trasformarmi in una di quelle vecchiette che vivono per esternare all’universo la loro anamnesi, di descrivervi il decorso della malattia e la quantità di farmaci che ho dovuto ingurgitare per salvare la pellaccia. Mi limito a comunicarvi che ho appena sconfitto un principio di broncopolmonite.

Colpa mia: pensavo fosse sinusite, un’allegra new entry che colora la mia vita da un paio d’anni a questa parte. Visto che per me fare anticamera nella sala d’aspetto del dottore equivale a varcare la soglia dell’Inferno, mi sono decisa a farmi visitare quando ormai stavo già messa maluccio. Io dal dottore vado solo a un passo dall’estrema unzione. So che è una pratica pericolosa, ma tant’è.

“Crepitii sospetti”, questa è stata la diagnosi del dottore. I miei bronchi scricchiolavano come un pacchetto di patatine, ma curiosamente io non accusavo nessun sintomo significativo. Niente febbre, niente dolori al petto, niente di niente. Solo un breve raffreddore che dopo qualche giorno si è trasformato in una tosse assassina che non mi faceva chiudere occhio la notte. E già, le malattie asintomatiche sono le più bastarde, perciò mi sono ripromessa che da ora in poi stalkerizzerò il mio medico al minimo starnuto.

Io sto all’ipocondria come Flavia Vento sta a Rita Levi Montalcini, sostanzialmente perché non mi allarmo alla minima scemenza, e in seconda battuta perché nutro un’avversione particolare per i camici bianchi. Il mio atteggiamento deprecabile nasce da diverse esperienze negative che ho subìto in particolar modo negli ultimi anni, e anche da un trauma infantile che non sviscero perché detesto i post stile “piccola fiammiferaia”. Occhio che non sto dicendo che tutti i medici siano macellai, però se posso ne sto volentieri alla larga, forse un pochino troppo alla larga rispetto alla gente sana di mente. Mi trascuro, minimizzo, rimando. Forse perché ringraziando il cielo è difficile che mi becchi qualcosa di più grave di un raffreddore.

Questa esperienza ha stemperato la mia trascuratezza e l’arroganza di voler guarire con i metodi fai da te. Debellare un focolaio di broncopolmonite non è lavoretto di bricolage: se sbagli a costruire una panca da giardino al massimo rischi di finire con il sedere per terra, se rimandi troppo una visita medica finisci in ospedale.

Sto benissimo, ora, anche se sono ancora debole come un gattino. E’stato complicatissimo per una come me dovermene stare a riposo e delegare a mio marito qualsiasi incombenza, però tutto sommato ho goduto di alcuni porci vantaggi.  

Erano almeno 9 anni che non beneficiavo di tante attenzioni, praticamente da quando ero incinta di Superboy. Detto fra noi sto anche bonariamente (?) abusando della situazione. Non con mio marito, ma con mio figlio. Il nostro rapporto attraversa un momento a dir poco complicato; da almeno 6 mesi a questa parte litighiamo in media ogni 10 minuti. E’ diventato sensibile come una zanzariera e premuroso come un boa constrictor, in questi giorni in cui mi ha visto perennemente sdraiata a letto sì è mosso più volte a compassione mostrando slanci d’affetto ai quali non ero più abituata. Anche se ora sto decisamente meglio, in sua presenza fingo attacchi di spossatezza degni di una disgraziata a un passo dalla tomba. Soltanto così ottengo che rastrelli il cumulo di giocattoli che impediscono l’accesso alla sua cameretta, che si faccia la doccia senza sbrindellare a morsi l’accappatoio perché “l’omo ha da puzzà”,  che la sera controlli per bene lo zaino e prepari i vestiti per andare a scuola.

Sono una persona orribile, lo so. Approfitto biecamente della buona fede della mia povera creatura per ottenere ubbidienza. Non è etico, non è corretto, non è “mammesco”. Mmmmmh… Sì, vabbe’. Ma fin quando non riacquisterò i superpoteri per combattere l’adolescente miniaturizzato che mi ritrovo in casa, sfrutto il vantaggio della mia convalescenza. Giudicatemi pure, non lo prenderò assolutamente come un affronto personale. Ma ricordatevi che è dannatamente vero che il fine giustifica i mezzi.  

Condividi post

Repost 0

commenti

Marzia 10/18/2012 23:16

Accidenti che inizio stagione! Comunque l'idea di un momento di tregua con il mio ragazzo mi rende più simpatica anche la malattia.
E per me Machiavelli la sapeva molto lunga, quindi bando ai sensi di colpa e torniti le coccole più che puoi :)

scake 10/18/2012 20:38

Ecchessaramai una coccola...dopo tutte quelle che gli abbiamo fatto noi!!!!
Scake

la staccata 10/18/2012 18:47

@pinkmommy: già, me lo ricordo che i nostri figli si assomigliano paurosamente. Giusto per sapere: anche il tuo vuole farsi già la barba?

@el_gae: provaci Strato. Non ti garantisco che funzioni, e ovviamente non devi ammalarti sul serio. Tentar non nuoce. I nostri figli sono una scoperta continua, magari anche i tuoi riusciranno a
sorprenderti.

@mammamsterdam: la falanghina va bene lo stesso? Ora posso, fino a un paio di giorni fa ero intossicata di antibiotici e cortisone, bere qualcosa di più alcolico di una gazzosa era piuttosto
rischioso. Il coroner mi avrebbe ritrovata mezza nuda sul letto con la bottiglia ancora in mano, come una rockettara maledetta.

@raffaella: grazie cara, ci sto provando. Sono ancora taaaaaaaaaaaaaanto debole ( ma questo è vero soltanto se in giro c’è quel sovversivo di Superboy).

la staccata 10/18/2012 17:09

Ma no, Vittore, dai! Più che la ginnastica mi hanno fatto sudare gli inspiegabili 30 e passa gradi che ci sono stati nei giorni scorsi a Roma. Un'escursione termica fra mattino, giorno e sera come
neanche nel Deserto del Sahara.

raffaella 10/18/2012 16:52

Sto piegata in due per l'equazione Flavia Vento/ Rita levi Montalcini.Concordo pienamente: a volte, il fine giustifica il mezzo.
Riprenditi.
Raffaella

Chi Sono

  • : La Staccata
  • La Staccata
  • : Luana Troncanetti, scrittrice per caso, schiava devota dell'ironia, grafomane incallita e mamma strafelice di Alessandro, aka Superboy. Nel 2009 ho vinto il Premio Massimo Troisi per la scrittura comica e sono ancora qui a disegnare cerchietti in un angolo e a chiedermi: "Ma che s'erano pippati quelli della giuria?"
  • Contatti

Sneakers o tacco 12? Scegli il tuo banner!

Mamma staccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

mamma taccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

Bogo Approved Blog

bogo approved blog   

Archivio

I miei libri

More about Enciclopedia degli scrittori inesistenti More about Le mamme non mettono mai i tacchi More about Aggiungi un porco a favola More about Tris di risate More about Se mi lasci non male More about Hai voluto la carrozzina?