Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
24 gennaio 2011 1 24 /01 /gennaio /2011 18:32
pizza


Girovagando per blog ormai da un discreto numero di anni, ho rilevato che il bambinese costituisce una fonte smisurata di ispirazione per le mamme che amano raccontarsi in rete. I post più divertenti  parlano degli incomprensibili suoni gutturali, simili al grugnito del tasso abruzzese durante la stagione dell’accoppiamento, che l’essere soprannaturale chiamato mamma riesce a decodificare e a tradurre a beneficio dei comuni mortali.  

Solo chi ha il vezzo di partorire è in grado di comprendere che “nghà!” significa :“Basta, o madre, direi che insistere è ormai anacronistico e inopportuno. Puoi gettare alle ortiche lo zuccotto con le scimmiette sceme… Ormai ho ben 19 mesi, quel ridicolo orpello lede la mia dignità di uomo!” e che “mgango!” sta ad indicare:“Mamma, potresti cortesemente comporre il numero telefonico della nonna, poiché sono ben due giorni che non la sento e gradirei farle un resoconto della mia giornata all’asilo?”

Il bambinese è una lingua affascinante e bizzarra, una sorta di magico tessuto che si estende, si modifica, cresce e calza sempre a pennello il legittimo possessore, un qualcosa di unico nel suo genere, perché nessun bimbo veste la stessa stoffa. Tranne qualche classica storpiatura che accomuna diversi nani del pianeta (tipo: Mamma, mi viene da gomitare!), il bambinese presenta infinite sfaccettature e fantasiose variabili. 

Il mammese, invece, costituisce un optional di serie gentilmente offerto dalla maternità, meno avvilente delle smagliature e delle tette cadenti, ma preoccupante almeno quanto la perdita di memoria a breve scadenza. A differenza del bambinese, il mammese pecca di fantasia ed è caratterizzato da alcune ridicole frasi standard, autentici must onnipresenti nel vocabolario di una madre degna di questo nome…

Si parte dal  classico:   “Mio figlio non MI mangia…” (Perché, è forse un cannibale?) con variabili quali: “Mio figlio non MI dorme…” oppure: “Mio figlio non mi ascolta mai!” (ah, no! Questa frase è corretta. Tragicamente corretta e comune a molte madri, aggiungerei) per poi passare a bizzarri ossimori come: “Amoooreee! Corri lentamente, ché hai il filo della piantana arrotolato intorno alla gamba!” o anche :Strilla piano, tesoro, ché se il vicino chiama di nuovo il Telefono Azzurro, stavolta non ci credono più che non ti spegniamo le sigarette sulle cosce!”arrivando al surreale: “Stai fermo, vieni qui!”, frase che manderebbe in paranoia anche il più equilibrato dei pargoli.

Le storpiature dialettali, poi, meritano una trattazione a parte. Essendo capitolina, vi regalo una chicca tipica di chi vive all’ombra del Colosseo.

La frase basica dovrebbe essere questa: “Vuoi la pizza, amore di mamma?” ma, forse a causa della (fantomatica, posso dirlo?) pigrizia romana, si trasforma spesso in : “Vuoi la pizza, 'a mamma?” per poi sfociare, qualora si andasse particolarmente di fretta, in un criptico: “Vuoi la pizza, mamma?” tanto che a un non romano sorge sacrosanto il dubbio: “Ma questa donna sta chiedendo a suo figlio se vuole la pizza, oppure lo sta domandando alla nonna?”

Ecco, io a questa stranezza non avevo fatto mai caso. Me l’ha segnalata una mia amica fiorentina, perché alle delicate orecchie di una figlia di Dante suonava piuttosto ridicolo che chiamassi mio figlio “mamma”. Riconosco che non è una cosa da persona esattamente sana di mente. Ma se la guardiamo con un’ottica diversa, quella secondo la quale sono i figli che ci fanno crescere, e non viceversa, magari questo strafalcione un senso ce l’ha…


Condividi post

Repost 0

commenti

angeliss 01/30/2011 22:36

ti aspetto nella mia cassa

sinesolesileo 01/29/2011 11:57

santo cielo!!!!
Il mammese è davvero terribile....ma tanto terribile!

maestrainfanzialaura 01/28/2011 21:23

Ciao Luana! Oggi è arrivato il premio del giveaway che mi hai inviato!! Grazie per la divertentissima dedica, troppo forte!!! grazie, grazie, iniziero' presto a leggerlo!! questo post mi ha fatto molto sorridere...io con le storpiature di parole ci tengo in piedi un blog!!! a presto e grazie ancora!!! laura

Elisabhett 01/28/2011 17:03

eccomi ci sono anch'io...(sempre la cassiera patty)

happysummer 01/27/2011 15:56

"Mi pulle popò"... In bambinese significa "anch'io (voglio andare) in macchina"... Bè, la bimba che pronunciò questa sua prima storica frase con soggetto, verbo e complemento, è ormai adulta... ma noi tutti - ogni tanto - la ripetiamo e ridiamo ancora come stupidi...

Chi Sono

  • : La Staccata
  • La Staccata
  • : Luana Troncanetti, scrittrice per caso, schiava devota dell'ironia, grafomane incallita e mamma strafelice di Alessandro, aka Superboy. Nel 2009 ho vinto il Premio Massimo Troisi per la scrittura comica e sono ancora qui a disegnare cerchietti in un angolo e a chiedermi: "Ma che s'erano pippati quelli della giuria?"
  • Contatti

Sneakers o tacco 12? Scegli il tuo banner!

Mamma staccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

mamma taccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

Bogo Approved Blog

bogo approved blog   

Archivio

I miei libri

More about Enciclopedia degli scrittori inesistenti More about Le mamme non mettono mai i tacchi More about Aggiungi un porco a favola More about Tris di risate More about Se mi lasci non male More about Hai voluto la carrozzina?