Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
29 agosto 2008 5 29 /08 /agosto /2008 09:20


panico



Eccomi qui reduce dalla solita ( pensavo ) vacanza noiosetta nel ridente paesino dimenticato da Dio, dagli uomini e dalle principali infrastrutture atte ad indicare che un territorio è abitabile da esseri sezienti… Comunque, considerazioni  velenose a parte, il paesetto dimenticato dalle infrastrutture ci ha in qualche modo regalato la nostra dose quotidiana di adrenalina. Avere un figlio come il nostro ci ha abituato a forti emozioni senza le quali non avremmo piu’ uno scopo specifico nella vita ( anche se scoprirete piu’ in là una sorprendente novella su Alessandro).

Non è stato, come di consueto, un periodo passato a zappettare l’orto, contare le pecore o i minuti che ti separano dalla fiera annuale di ferragosto unico vero sprazzo di vita mondana offerto dal circondario… Non abbiamo soltanto trasportato carriole di masserizie frutto dei lavori di ristrutturazione che mio padre ama apportare alla nostra casa e/o a quelle dei vicini, parenti e semplici curiosi. Non abbiamo trascorso le giornate ad evitare che nostro figlio causasse danni fisici o celebrali irreversibili a quelle quattro persone che abitano il paese.

(A questo proposito apro una parentesi che lascerà scioccati quanti mi seguono da tempo : annuncio che mio figlio Alessandro è ufficialmente diventato un bimbo tranquillo. Un po’ come Pinocchio, deve aver incontrato la Fata Turchina che gli ha finalmente regalato una natura umana. Perciò, stracciata la polizza di assicurazione responsabilità civile che abbiamo stipulato al momento della sua nascita, io e il papà ci godiamo ora con circospetta libidine un pupo finalmente gestibile. Circospetti poiché temiamo che il processo sia reversibile, cantiamo sommessamente vittoria paghi del fenomeno che ci sta gradualmente convincendo che Dio esiste davvero. Mai stati troppo religiosi ma, forse ad un certo punto, chi di dovere deve aver accolto le nostre preghiere concedendoci un momento di pace, spero, non momentanea… Chiusa parentesi e AMEN!).

Siamo riusciti a trascinare mio padre, indefesso lavoratore convinto che fermarsi a riposare dieci secondi sul divano possa causare una morte istantanea, in vari luoghi della zona dove mai prima di noi nessuno era riuscito a trasportarlo neanche con l’ausilio di uno storditore elettrico.

Per abbiamo intendo io e mio marito. Mia sorella e mio cognato non ci sono mai riusciti, ma noi rompiamo i coglioni meglio di loro e siamo piu’ ribelli. Quindi, dopo aver sequestrato papà e averlo ripulito dallo strato di calcinacci che lo ricoprono come neve perenne, abbiamo caricato anche mamma in macchina e VIIIIIA, verso nuove avventure!!!

15 agosto: Visita pomeridiana al santuario di Macereto. Wow! Davvero cool! Lo so, lo so, il racconto delle mie emozionanti vacanze vi farà sognare ad occhi aperti e molti di voi mi chiederanno di essere miei ospiti per poter vivere le stesse adrenaliniche sensazioni…Contattatami: mi casa es tu casa.

Comunque: posto delizioso, gremito di gente ( nessun ovino, se non arrostito a puntino ), odore di braciole alla griglia e tanta, tanta allegria. Mio marito Stefano, la cui leggendaria fortuna farebbe impallidire Gastone dalla radice delle piume della testa fino alle ghette, appena arrivato ha comprato due biglietti della riffa al costo totale di 4 euro ( mmmmm! Lo amo perché è dannatamente dissoluto).

Tempo di prendere un caffè al bar e aveva già vinto una montain bike, valore stimato almeno 100 euro. Fortunello, si, ma limitatamente a piccole cifre. Di sbancare al Superenalotto proprio non se ne parla. Ma se Dio ci ha omaggiato del privilegio di poter finalmente dormire la notte e di non dover correre tutto il giorno dietro al nostro piccolo diavolo questo potrebbe essere il momento propizio. Perciò il prossimo passo è compilare l’ennesima schedina. Se sparirò improvvisamente avrete la conferma che la fortuna di mio marito si è dilatata abbracciando lidi piu’ proficui. E vi penserò con affetto dal mio 40 metri mentre sorseggio Moët & Chandon  a temperatura glaciale. Croce sul cuore!

16 agosto: Entusiasmante visita alla fiera annuale di carabattole, pentolame e abiti demodè, ciabatte ortopediche e paramenti militari. Il tutto allietato da un caldo sfiancante e da incontri con gente che non vedi da secoli e che ti ricorda ancora adolescente. Quindi: bella, tonica e senza una ruga. Dopo averti baciato incredulo sulle guance il conoscente di turno esclama un fazioso: 

“Ooooooooh! Ma sei davvero tu? Non ti è passato un solo giorno!”.

Giusto il tempo di ripulirti dalla bava del poco convincente adulatore che un attimo dopo sei già al telefono con il chirurgo plastico.

Ore 12,30: Al ritorno dall’entusiasmante visita si verifica il fenomeno che ha generato l’attacco di panico responsabile del titolo del post. E anche dell’aggiungersi alla mia folta chioma di una decina di capelli bianchi che prima non avevo.

Le Marche sono un territorio notoriamente sismico. La zona in prossimità dell’Umbria, guarda caso proprio dove c’è casa mia, è particolarmente soggetta a terremoti. Ma visto che fin da piccola ne ho sentiti almeno una decina di media/alta intensità non sono particolarmente spaventata dall’evento. Bene o male ti ci abitui, un po’come per la cellulite.

Ma ciò che ci è successo mi ha spaventata davvero a morte, perché ho temuto  che mio figlio potesse rimanere gravemente ferito o – che Dio ce ne scampi e liberi – ancora peggio… Dunque, tornati dalla Fiera dell’Est sudati come tranci di tonno sott’olio siamo andati a cambiarci. La nostra casa è a due piani: proprio in corrispondenza della nostra camera da letto al piano inferiore c’è la cucina. Io, Stefano e il piccolo ci stavamo spogliando, i miei genitori erano di sotto ad apparecchiare. Alessandro saltellava sul lettone, io gironzolavo per la stanza e Stefano era in prossimità della porta. Improvvisamente iniziamo a percepire un rumore stranissimo sotto i nostri piedi, un qualcosa di simile a mille pallini di piombo che rotolano sul pavimento. Stefano sbarra gli occhi e mi dice di stare attenta non capisco bene a cosa. Faccio appena in tempo a fare un salto e ad evitare che una sorta di serpente sotterraneo mi faccia inciampare e cadere a terra. Con un rumore indefinibile di un qualcosa che si infrange scompostamente, ho avuto davvero l’impressione che il pavimento stesse per dividersi a metà per poi sprofondare dritto dritto sopra le teste dei miei genitori trascinandosi dietro Alessandro che era rimasto impietrito e urlante sul lettone.

Il sostanza io ero al di là di questo strano spartiacque che mi separava da mio figlio che, terrorizzato dalle mie grida, non riusciva a saltare nelle mie braccia. Mi chiederete:

“Perché non sei saltata tu sul letto per prenderlo?” Il perché è semplice: in un millesimo di secondo ho pensato che attraversare quella strana striscia avrebbe fatto crollare tutto a causa del mio peso. In questo modo non avrei potuto salvare Alessandro, anzi! Avrei rischiato di peggiorare la situazione. Ma se fosse stato lui a saltare dal letto allora avrebbe potuto farcela. Dopo aver gridato tanto da farmi esplodere le tonsille il mio piccolino si è deciso a volare da me e siamo usciti di corsa sulla veranda del piano superiore. Lì ho iniziato a gridare piu’ forte che potevo ai miei di uscire dalla cucina, ma iniziano ad avere diversi lustri e non hanno sentito niente. Nel frattempo, il maledetto pavimento continuava a scricchiolare e quindi ci siamo precipitati giu’ per le scale continuando ad urlare ai miei di uscire da quella cacchio di cucina.

Il soffitto non è crollato, ma un paio di abitanti del paese ( sono in tutto quattro) si sono precipitati a vedere cosa diavolo fosse successo. Si sono trovati davanti Stefano in boxer attillati e canottiera ( uno spettacolo che soltanto io, dopo anni di training autogeno riesco a sopportare con stile), Alessandro a piedi nudi abbarbicato come un koala alle mie braccia e bagnato di lacrime fino alle caviglie e una Luana rauca e terrorizzata con la cerniera dei jeans abbassata e la maglietta infilata alla meglio che scopriva le forme burrose.

I due coraggiosi abitanti ( il cugino di mio padre e sua sorella ) sono saliti a vedere. Li abbiamo seguiti senza troppa convinzione e, dopo aver constatato che il misterioso fenomeno non era né un terremoto né un crollo del pavimento hanno iniziato amabilmente a prenderci per i fondelli. Sapete cosa ci ha tanto spaventato? Un insulsa, stupidissima, innocua bolla d’aria che si è formata sotto una porzione del pavimento e ha provocato il distacco di due file di mattonelle che si sono sovrapposte fra di loro in un’unica striscia lunga quanto la stanza. Vi assicuro, comunque, che trovarsi di fronte a un fenomeno del genere è un qualcosa che è riuscito a terrorizzare persino mio marito, solitamente placido  come un bradipo affetto da narcolessia.

Finora ero stata terrorizzata dal buio, dal buco dell’ozono e dalla  pelle a buccia d’arancia. Ora posso aggiungere un’altra voce all’elenco delle mie paure: sono certa che non guarderò mai piu’ un pavimento con gli stessi occhi …

Il seguito della vacanza non è granchè interessante e poi non ho mai strutturato il mio blog come un diario personale. Non penso che la visita alle Grotte di Frasassi o al santuario di Loreto ( e già! Quest’ anno siamo stati colti da una sorta di crisi mistica) possano essere argomenti di avvincente intrattenimento per quanti hanno il coraggio di leggermi. I miei articoli sono già abbastanza lunghi da sopportare, meglio non infierire con particolari che potrebbero potenzialmente indurre qualcuno al suicidio mentale. Non voglio avere nessuno sulla coscienza; ho già i miei problemi: è da sadici aggiungerne altri alla lista.

PS: Tanto per la cronaca… Mio marito e papà hanno dovuto riposizionare le mattonelle, giusto per non perdere l’allenamento ai consueti lavoretti di manutenzione sopraccitati. Quindici giorni prima di questo incidente c’era stata una perdita d’acqua fra i due bagni posizionati fra il primo e secondo piano, quindi gli usuali problemi alla lavatrice che non scarica l’acqua e alla fine del lavaggio vomita fuori indumenti che puzzano piu’ di prima e altre sfighe di piccola- media entità che non sto qui a menzionare. Non nomino neanche il lavoro generato dal dover curare un orto di 100mq o le 2,500 piante di noce nazionale che mio papà ha avuto la brillante idea di installare in un irrefrenabile crisi esistenziale, quando ha creduto per lungo tempo di essere la reincarnazione dello Zio Venanzio, nostro trisavolo e capace contadino.

Aaaaaaaaaaah! Quanto relax sanno offriti le vacanze!


Condividi post

Repost 0

commenti

santin 08/30/2008 09:51

il prossimo anno vengo con nte..hai bisogno di un'altra zia, vero???
a presto!!!!

daisi 08/29/2008 13:54

Ti ho risposta in pvt!
baci
daisi

Chi Sono

  • : La Staccata
  • La Staccata
  • : Luana Troncanetti, scrittrice per caso, schiava devota dell'ironia, grafomane incallita e mamma strafelice di Alessandro, aka Superboy. Nel 2009 ho vinto il Premio Massimo Troisi per la scrittura comica e sono ancora qui a disegnare cerchietti in un angolo e a chiedermi: "Ma che s'erano pippati quelli della giuria?"
  • Contatti

Sneakers o tacco 12? Scegli il tuo banner!

Mamma staccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

mamma taccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

Bogo Approved Blog

bogo approved blog   

Archivio

I miei libri

More about Enciclopedia degli scrittori inesistenti More about Le mamme non mettono mai i tacchi More about Aggiungi un porco a favola More about Tris di risate More about Se mi lasci non male More about Hai voluto la carrozzina?