Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
21 gennaio 2012 6 21 /01 /gennaio /2012 08:37

UNO

http://t3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQZ27XH_APxoyjOVT_Wb0MaWfkbEiCkmBdtgTpMRJ_2fqMydjSj

Ultimamente io e Superboy siamo diventati UNO addict.

“UNO” non è una nuova sostanza stupefacente, ma un gioco che si fa con le carte. Stupefacente era invece un’altra cosa: il fatto che mio figlio vincesse sempre, in un modo che mi ha fatto seriamente considerare l’opportunità di fargli giocare una schedina al Superenalotto o magari anche al Win for Life, già che c’eravamo.

 

Abbiamo passato ore intere a giocare. Nulla, non riuscivo mai a vincere. Neanche una volta. Neanche pregando Saint Vincent, il protettore dei giocatori d’azzardo, per chi lo ignorasse.

Poi, ieri pomeriggio, si è svelato l’arcano mistero. Le nostre sfide avvenivano spaparanzati sul tappeto della sua cameretta. Io, che sono una di quelle mamme che “col cavolo che ti faccio vincere anche se sei un bambino”, mi preoccupavo di tenere ben nascoste le carte alla sua vista. Già quel marmocchio ha più sedere che anima, non volevo regalargli altre opportunità per battermi.

Non ho mai considerato un fattore determinante: alle mie spalle c’è un enorme specchio. Ecco come faceva l’innocente creaturina a battermi sempre. Me l’ha confessato ridendo ieri pomeriggio, evidentemente perché a un certo punto gli ho fatto pena. Sa bene che ultimamente non mi sento troppo fortunata.

PS: comunque, trucchi da consumato biscarolo a parte, Superboy è veramente fortunato a carte. Vi sconsiglio vivamente di proporgli una partitina a scopa. E se voleste provare l’esperimento, giocatevi al massimo un ovetto Kinder. Quel bambino ha veramente più sedere che anima, e mi auguro con tutto il cuore che questa caratteristica non lo abbandoni mai. Come dicono da secoli i saggi: “Nella vita è meglio nascere fortunati che ricchi”.

ARI PS: sono una mamma di quelle che “col cavolo che ti faccio vincere anche se sei un bambino” per un preciso motivo. Non ho particolari problemi ad arrivare seconda, nella vita, e ho imparato da tempo a incassare con stile le sconfitte. Mio figlio, invece, non accetta di perdere come il 90% dei soggetti (soprattutto maschi) della sua età. Quindi è meglio che glielo insegni sua madre, piuttosto che i cazzotti di X, che è alto il doppio di lui, qualora un giorno dovessero litigare per una briscola sospetta. Non credete?  

Condividi post

Repost 0

commenti

destinazioneestero 01/24/2012 22:54

Anch'io perdo a uno e non perché dietro di me c'è uno specchio, perdo e basta. Le figlie ridono.

pinkmommy 01/22/2012 09:23

Superboy è sempre più fantastico!!!! ahahahahah!!! anche mio figlio è fortunato ai giochi da tavola, le carte non le ama perchè deve stare troppo tempo fermo, non sia mai...
e comunque sono d'accordissimo, devono imparare a perdere ogni tanto (anche gnomo vive male il secondo posto), meglio che accada con noi! un bacione, buona domenica!!!

Bamamma 01/21/2012 09:12

Uno è una tassa da pagare per tutte le madri in alcuni periodi dell'esistenza dei figli. E' una di quelle cose che tutti sanno, ma nessuno ti dice della maternità. C'è di peggio, ma se una lo
sapesse, sceglierebbe consapevolmente :P
Io ho un figlio che ha fattore C pazzesco e nella malugurata ipotesi che esca sconfitto, ti obbliga a minuziose consultazioni del regolamento, studiando i cavilli più nascosti. Alla fine ti
dichiari sconfitta per sfinimento e abbandoni il campo.
Anche io come te, se gioco, gioco per vincere... altrimenti non è educativo, no? Papà quando tiriamo fuorile carte, scuote la testa... non siamo un bello spettacolo. In realtà sono stata molto
competitiva in gioventù e quando appaiono le carte torno nel tunnel. Ora preferisco non mettermi in sfide che tirano fuori il peggio di me, preferisco sfidare me stessa e vincere lavorando in
gruppo.
Mio figlio ha 30 anni di gap da coprire per arrivarci e la prognosi è riservatissima.
Alla maestra di matematica mi disse: "Ehh suo figlio è troppo competitivo" risposi: "Vuol dire che il metodo della gara con tanto di eliminatorie, cori da stadio, e medaglie che lei utilizza per
insegnare le tabelline sta funzionando perfettamente (argh)". Metodo che usi, risultato che ottieni. Le tabelline le sapeva perfettamente, con (dis)valore aggiunto. Oltre al contenuto passa ben
altro.
Quindi ... spero che tu vinca la prossima partita ;)

Chi Sono

  • : La Staccata
  • La Staccata
  • : Luana Troncanetti, scrittrice per caso, schiava devota dell'ironia, grafomane incallita e mamma strafelice di Alessandro, aka Superboy. Nel 2009 ho vinto il Premio Massimo Troisi per la scrittura comica e sono ancora qui a disegnare cerchietti in un angolo e a chiedermi: "Ma che s'erano pippati quelli della giuria?"
  • Contatti

Sneakers o tacco 12? Scegli il tuo banner!

Mamma staccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

mamma taccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

Bogo Approved Blog

bogo approved blog   

Archivio

I miei libri

More about Enciclopedia degli scrittori inesistenti More about Le mamme non mettono mai i tacchi More about Aggiungi un porco a favola More about Tris di risate More about Se mi lasci non male More about Hai voluto la carrozzina?