Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
20 maggio 2012 7 20 /05 /maggio /2012 10:23

tortora

 

Una mamma dovrebbe dare il buon esempio. Parlare in italiano, tanto per dirne una. Ma quando tuo figlio ci mette dieci minuti per infilare un paio di mutandine, la botta di dialetto ti scappa. Errore fatale, perché il vernacolo lancia degli assist involontari che un bambino degno di questo nome deve sfruttare a suo favore. Ecco uno dei nostri momenti familiari romaneschi:

"Ale, porca miseria, ti vesti o no?! Guarda che te prendo a tortorate!!!"
"Poracciaaaaa!"
"Ma chi?"
"La tortora!"
" :-D "
          

Condividi post

Repost 0

commenti

Nina Cerca 05/24/2012 21:38

Ah, lui si preoccupa per la tortora perché giustamente pensa che la minaccia consista nell'essere percosso da un delicato volatile! Beata ingenuità!!! Troppo forte lui! *__*
Scommetto che non sei riuscita a rimanere seria, addio autorevolezza, addio potere! :DD

la staccata 05/21/2012 15:35

Guarda, Liva cara, a dirtela tutta non so neanch'io come mi sia venuto in mente "tortorate. E' un'espressione che usa difficilmente persino mio padre, che parla come il povero Alberto Sordi. E'
romano, eccome! :-)
Così dice il dizionario romaesco di Fernando Ravaro - Netwon Compton
TORTORE: bastone corto e grosso, randello. A Roma così denominato un ramo d'albero troncato a giusta misura per ardere in un camino. TRILUSSA: Che m'arifila certe tortorate! Dal latino
"tortor/tortoris" ( carnefice )

Livia 05/21/2012 14:47

Tortorate, da quanto non la sentivo! Ma non mi pare romano, anche se potrei sbagliare...
Con mio figlio ho poca fantasia, lo ammetto: "se fai/non fai questo, ti ammazzo"... devo migliorare, la prossima volta gli dico che lo corico di mazzate :)

la staccata 05/21/2012 13:07

La spiegazione è molto semplice: il dialetto custodisce sfumature ignorate dall'italiano. Nulla è più efficace di un espressione in vernacolo, nulla può rendere meglio un concetto di un'espressione
dialettale. Mia nonna, giusto per farti un esempio, era marchigiana. Si è trasferita a Roma da ragazzina, e parlava il dialetto della capitale meglio de La Sora Lella, anche se sapeva esprimersi in
italiano perfetto. Eppure, quando mio padre la faceva incavolare, se ne usciva con colorite espressioni maceratesi sul genere: "Che te se possano addossà le formiche rosce..."
Una frase del genere batte 100 a 1 un banalissimo: "Accipicchia, sei veramente un monello!"

Smemory -http://mammamiacosafaccio.blogspot.it/ 05/21/2012 11:42

Si chissa' perche' usare il dialetto quando si impreca da' piu' soddisfazione....

Chi Sono

  • : La Staccata
  • La Staccata
  • : Luana Troncanetti, scrittrice per caso, schiava devota dell'ironia, grafomane incallita e mamma strafelice di Alessandro, aka Superboy. Nel 2009 ho vinto il Premio Massimo Troisi per la scrittura comica e sono ancora qui a disegnare cerchietti in un angolo e a chiedermi: "Ma che s'erano pippati quelli della giuria?"
  • Contatti

Sneakers o tacco 12? Scegli il tuo banner!

Mamma staccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

mamma taccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

Bogo Approved Blog

bogo approved blog   

Archivio

I miei libri

More about Enciclopedia degli scrittori inesistenti More about Le mamme non mettono mai i tacchi More about Aggiungi un porco a favola More about Tris di risate More about Se mi lasci non male More about Hai voluto la carrozzina?