Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
10 luglio 2009 5 10 /07 /luglio /2009 15:01
acqua


Su consiglio di una cara amica ho deciso, circa un’ora fa, di regalarmi un piccolo lusso: un immersione in acqua salata. Allora, bisogna riempire la vasca di acqua tiepida, sciogliere un chilo di sale grosso e rimanere in ammollo in attesa del miracolo. Con questo sistema, sembra, si riesce a sgonfiarsi di un chiletto. Niente di che: entri otaria e riemergi comunque otaria, ma con l’illusione di aver fatto una volta tanto qualcosa di molto intelligente, tipo avvalersi del processo osmotico, per cambiare la tua triste condizione.

Chiaro che il solo accostare le labbra a un bicchiere d’acqua è sufficiente a vanificare i prodigi del sortilegio, ma basterà non bere fino a domenica sera e il deliziooooooso abitino che al momento fascia in modo impietoso i miei fianchi scivolerà, leggiadro, rivelando soltanto delle piacevoli, femminili e molto calabresi curve da donna che non deve chiedere mai.

Procedo, sciolgo il sale, mi immergo, mi rilasso e chiacchiero sbadatamente al telefono per mezz’ora ignara dell’orrore che, pian piano, si materializza alle mie spalle. Suona il timer, è ora di uscire, tiro fuori le gambe dall’acqua ( gonfie esattamente come prima) e mi accorgo che il tappetino del bagno è fradicio.

“Strano…” penso “…oggi non ho giocato con le paperelle…” Inizio ad asciugarmi e noto che tutto il pavimento è fradicio. 

"
Strano…” ripenso, un filino contrariata.

Finisco di asciugarmi e noto che il pavimento non è fradicio, ma allagato…

“Molto strano… Molto molto strano” inizio a mugugnare, mentre tiro fuori la mia collezione privata di stracci e mi metto a quattro zampe per rimediare a quel disastro vanificando così quella mezz’oretta di relax.

Esco dal bagno e svento per un attimo la tragedia: anche il corridoio è allagato e parte della cucina. Un attimo di disattenzione in più e probabilmente ora vi scriverei mentre sto facendo il triage al pronto soccorso.

Ma da dove cavolo viene tutta quell’acqua? Dalla vasca? Dal water? Dal bidet? Dal termosifone in camera di Alessandro dove fervono ancora i lavori? Si è rotta la lavastoviglie? Oppure è la lavatrice sul balcone che ha esalato l’ultimo respiro?

Sono ancora qui a domandarmi cosa diavolo è successo, mentre strizzo l’ultimo straccio e continuo ad ispezionare la casa centimetro per centimetro per capire se c’è una sorgente miracolosa nascosta da qualche parte.

Niente, giuro su quanto ho di più caro che l’indagine non ha prodotto frutti. L’acqua è defluita dal nulla, copiosa, implacabile, in rivoli lussureggianti che hanno pensato bene di andare a morire ai piedi dell’aspirapolvere.  Bene, devo aggiungere alla lista delle cosucce da fare domani anche di fare un salto da Euronics per vedere se hanno elettrodomestici in saldo.

Continuo a controllare il pavimento, ormai asciutto, ma senza risultato. Nessun indizio, niente di niente, neanche la più schifosa delle spiegazioni, neanche la più bizzarra, neanche la meno plausibile.

Acqua ovunque, sbucata da un universo parallelo o da un mondo fantastico, forse Atlantide stessa, chi può stabilirlo? Spero solo che sia acqua santa, perché mi sa che la sfiga ha ripreso servizio. Più bastarda del solito.




 


Condividi post

Repost 0

commenti

staccata 07/14/2009 13:22

@angeliss: eccome, cara Patty, se sto scrivendo. Soprattutto ora, soprattutto ora. Ma non anticipo nulla, per scaramanzia.
Sai com'è: tenevo la nonna napoletana...

angeliss 07/14/2009 11:09

infatti devi propio smettere ihihihihi ...ma tu stai scrivendo qualcos'altro???

valu85 07/13/2009 17:42

Azz... altro che sfiga! Adesso l'acqua si materializza anche... bene!
Ehm... meglio andare a controllare tutti i rubinetti di casa (e non) all'istante! BYE! ^______-

MammaCattiva 07/12/2009 21:06

Se il fenomeno paranormale era proporzionato al bagno salato in vasca, pensa cosa sarebbe successo se avessi deciso per un bel bagno al mare...;) sei sempre fortissima!

anonimo 07/11/2009 15:05

Mi lancio in un commento a caldo, come avrebbe dovuto essere l'acqua, molto calda ti avevo suggerito, tanto da rischiare il collasso, e poi restare a mollo fino a che grondavi da ogni più piccolo pertuso, follicolo o foruncolo che fosse, tipo Fontana di Trievi! "Chi bello vuole apparire, un poco deve soffrire" e tu puoi immaginare quanto soffra! Mi sa che sia stato il tuo pavimento a trasudare quanto avresti dovuto fare tu... ma non ti preoccupare, patata, in fondo hai ottenuto ben due risultati: la casa bianca sarà ancora più bianca e tu, dannandoti per asciugare il misterioso flusso d'acqua, avrai perso sicuramente un buon chiletto, giusto quello che ti serviva per scivolare nel tuo favoloso abito! Stai serena, sei uno schianto in ogni caso e di sicuro domani, anziché stendere i panni come una normale casalinga, stenderai tutti con la tua simpatia! In bocca al lupo, in culo alla balena, infilati in qualunque orifizio di qualsiasi povero animale di ogni specie e torna con la corona sul capo come meriti! Un baciolones, ma regina...tua umile e sciroccatissima serva!

Chi Sono

  • : La Staccata
  • La Staccata
  • : Luana Troncanetti, scrittrice per caso, schiava devota dell'ironia, grafomane incallita e mamma strafelice di Alessandro, aka Superboy. Nel 2009 ho vinto il Premio Massimo Troisi per la scrittura comica e sono ancora qui a disegnare cerchietti in un angolo e a chiedermi: "Ma che s'erano pippati quelli della giuria?"
  • Contatti

Sneakers o tacco 12? Scegli il tuo banner!

Mamma staccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

mamma taccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

Bogo Approved Blog

bogo approved blog   

Archivio

I miei libri

More about Enciclopedia degli scrittori inesistenti More about Le mamme non mettono mai i tacchi More about Aggiungi un porco a favola More about Tris di risate More about Se mi lasci non male More about Hai voluto la carrozzina?