Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
15 novembre 2009 7 15 /11 /novembre /2009 20:53
P1030940P1030950P1030942










Oggi vorrei spiegarvi, con uno stile che di solito non mi appartiene, cosa significhi per me ogni presentazione del libro.  Nelle riflessioni che state per leggere non c’è nulla che faccia sorridere. Seguo sempre una regola ferrea: l’ironia è una cosa seria, non si può applicare a qualsiasi situazione.

·  E’ il timore che nessuno possa presentarsi. 


·  E’ il piacere di constatare che, invece, qualcuno si presenta sempre.

·  E’ il dono prezioso del tempo altrui, oggi che il tempo ha un prezzo così alto.

·  E’ lo sguardo rassicurante di un direttore editoriale che cammina al tuo fianco fiducioso che un domani, forse, qualcosa avverrà.

·  E’ il rivedere la ex collega di lavoro dopo tredici anni oppure l’amico fraterno, con cui hai perso i contatti da un secolo, presentarsi con la compagna che, nonostante non ti abbia mai visto in tutta la sua vita, decide di trascinare il pancione di nove mesi e mezzo, sedersi su una sedia accanto al padre di sua figlia e ascoltare per un’ora e mezza ciò che hai da dire. Quattro giorni dopo quella ragazza deliziosa partorirà…

·  E’ rispecchiarsi nella complicità di mamme sconosciute che annuiscono, divertite, quando leggi qualche stralcio del tuo libro.


·  E’ l’affetto dei tuoi amici più cari, il loro sorriso partecipe mentre racconti di quando eri piccola e avresti voluto fare la pittrice, l’attrice, la ballerina, il pescatore di telline, l’inscatolatore di sgombri  ma la scrittrice no… quello davvero no…  Loro lo sanno che è vero e che quando ti definisci una pseudoscrittrice non lo fai per falsa modestia.  

· E’ un marito onnipresente che non si stanca mai di accompagnarti nel tuo viaggio.

· E’ osservare per due ore la signora in prima fila mantenersi impassibile, algida, distante e anche un filino scazzata, e poi vedere la stessa donna accostarsi, farti i complimenti e allontanarsi con una copia del tuo libro in mano.

· E’ la piccola coda delle acquirenti che attendono pazienti un tuo “autografo”, mentre tu quell’autografo - ovviamente - lo chiami ancora dedica.

· E’ il piacere di aprire bocca e riuscire a strappare un sorriso, senza aver fatto nulla di particolare per generarlo.

· E’ ascoltare la musica di tutti quei sorrisi improvvisi rotolare come monetine d’argento in un salvadanaio sempre più ricco di emozioni nuove.

· E’ un regalo costante, un’iniezione di fiducia in capacità che non sospettavi neanche di possedere, anche se è da sempre la gente ti dice che fai ridere ma non hai mai approfondito il perchè. 

· E’ divertimento, sempre. E’ gioia, condivisione, stupore, risate.


· E’ la prova inaspettata che, tutto sommato, dormire al massimo sei ore per notte  per coltivare un piccolo sogno forse un senso ce l’ha.

· E’tutto questo e anche qualcosa di più, per chi, come me, inizia a scrivere per caso e, sempre per caso, si trova immerso in un qualcosa di indefinito e indefinibile. 

Grazie a tutte le persone che hanno partecipato e a tutte quelle che parteciperanno alle mie presentazioni. Io sarò sempre il donnino apparentemente sicuro di sé, disinvolto, sfrontato, irriverente ma che in realtà custodisce nel suo intimo un’unica domanda: “Ma oggi, tutta questa gente, è venuta davvero a conoscere me, oppure cercava soltanto una scusa valida per non ciucciarsi il cambio dell’armadio?”


Condividi post

Repost 0

commenti

Jersey 11/25/2009 14:56

Vivo tra Milano e Pavia, ma leggo che non è in previsione, peccato :(

Elisabhett 11/20/2009 09:36

cautelosa 11/19/2009 21:58

Dalle tue riflessioni, così piene di umanità, emerge la bella persona che tu sei.
Ti auguro che anche le prossime presentazioni ti regalino meritate soddisfazioni .
Ciao! 

ilmaredentrome 11/18/2009 13:38

ehehehehh appev, non male come idea, peccato che per ora non sia proprio fattibile!!

APpevEHDG 11/17/2009 18:21

@la staccata: No i denti noooo, se no poi cambi voce!
@mare: forse è meglio se vieni a comprarlo qui a Pesaro, un po' più  costoso di una semplice spedizione, ma vuoi mettere un week end al mare, in autunno? e poi potresti finalmente vedere la mia libreria dal vivo e potremmo parlare del tuo sogno...
 

Chi Sono

  • : La Staccata
  • La Staccata
  • : Luana Troncanetti, scrittrice per caso, schiava devota dell'ironia, grafomane incallita e mamma strafelice di Alessandro, aka Superboy. Nel 2009 ho vinto il Premio Massimo Troisi per la scrittura comica e sono ancora qui a disegnare cerchietti in un angolo e a chiedermi: "Ma che s'erano pippati quelli della giuria?"
  • Contatti

Sneakers o tacco 12? Scegli il tuo banner!

Mamma staccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

mamma taccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

Bogo Approved Blog

bogo approved blog   

Archivio

I miei libri

More about Enciclopedia degli scrittori inesistenti More about Le mamme non mettono mai i tacchi More about Aggiungi un porco a favola More about Tris di risate More about Se mi lasci non male More about Hai voluto la carrozzina?