Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
19 settembre 2009 6 19 /09 /settembre /2009 13:24


libro incantato



Il libro incantato - 18 aprile 2009

Oggi sono forse invasa dallo spirito di una pedagogista vecchio stampo ma, fregandomene di apparire obsoleta, lancio un appello alle mamme: tenete fuori dalla portata dei vostri piccoli play station e compagnia bella, almeno finchè potete.

Questa riflessione ( scontata, molto probabilmente) nasce dopo aver assistito alla scena isterica di un bimbetto di circa sei anni che ha sbattuto contro un albero il suo giochino dopo aver trascorso tutto il pomeriggio su una panchina del parco invece di giocare a pallone o a strapparsi i capelli con gli altri bambini. Ha proseguito ad urlare e lanciare pedate a chiunque gli si parasse davanti, con gli occhi spiritati di un tossicodipendente dopo un’ overdose quasi letale, per circa un’ora. Poi si è calmato, ed è stramazzato seduto a far nulla.  La mamma ha quindi ripreso a fumare una sigaretta dietro l’altra, troppo presa dalle sue chiacchierare con le amiche per curarsi di lui.

Questo è chiaramente un caso limite ed è lapalissiano che ogni mamma è liberissima di scegliere gli intrattenimenti che ritiene più opportuni per suo figlio, ma schiaffare bimbi piccolissimi ad oltranza davanti alla TV o drogarli con i videogiochi perché si è super impegnate o stanche è a mio modesto parere troppo comodo. Siamo tutte prese da mille impegni e i figli, alcuni moderatamente, altri in modo tragico, sono sì faticosi, ma non meritano di finire parcheggiati davanti a uno schermo, che sia quello di un televisore o quello di una consolle.

Occhio: è chiaro che non parlo di quell’oretta provvidenziale quando si torna stremate dal lavoro e il piccolo non ci lascia preparare la cena, no. Mi riferisco naturalmente all’ uso sistematico, all’abuso, alla  continuità di un trastullo che a lungo andare uccide la fantasia e la voglia di imparare.

Se non vogliamo che i nostri figli rimpinguino il fenomeno già ben nutrito dell’analfabetismo di ritorno, proponiamo loro qualcosa di diverso, di straordinario, di antico – se volete - come il leggere. La grandezza di un libro non è quantificabile in relazione alla sua funzione primaria che è, ovvio, quella di insegnare qualcosa. La sua forza è soprattutto nella condivisione. Si, un libro per bambini aiuta a condividere e ci unisce a nostro figlio quando, seduti accanto a lui, gli regaliamo il preziosissimo dono del nostro tempo.

Non serve leggere un mattone di cento pagine, ovvio che spesso non ne abbiamo il tempo. Basta  una fiaba breve ma curiosa, uno di quei libri a tre dimensioni, oppure quelli che si trasformano in puzzle. Basta un briciolo di attenzione e amore, e con un pizzico di fortuna nostro figlio potrebbe proseguire da solo nell’esplorazione di pagine colorate e di scritte che ancora non è in grado di leggere, ma che comunque riescono a donargli qualcosa di utile.

Basta poco, dico sul serio, e l’alibi che nostro figlio potrebbe non essere interessato alla questione non regge. Qualsiasi bambino, anche il più vivace, non può che rimanere affascinato da un libro. Ve lo dico per esperienza personale, e ricordatevi che state leggendo le parole della madre di Superboy e non di un bimbo che se ne sta tranquillo in un angolo a colorare i disegni di Winnie the Pooh.

Vorrei segnalare a quanti risiedano a Roma in zona Anagnina/Morena/Ciampino una piccola, deliziosa libreria per bambini che organizza a cadenza settimanale incontri di lettura e laboratori creativi in forma assolutamente gratuita. E’gestito da Mara e Monica, deliziose al pari del piccolo locale curato con amorevole impegno; due ragazze che credono in quello che hanno messo in piedi e che meritano una risposta più nutrita delle mamme.

Soprattutto lo meritano i vostri bambini…

Questo è il loro sito:

http://www.libroincantato.it

Il libro incantato Libreria per Ragazzi

Via di torre morena, 50-52a  - 00118 Roma

Telefoni: 0660662852 - 3394502639 - 3333795223

Mail: libroincantato@libero.it

Orari: Lun-Sab 10-13 16,30-19,30


Il calendario dei prossimi eventi è previsto a partire da ottobre. Io e Ale ci saremo.


Condividi post

Repost 0

commenti

caterinaarmenta 10/02/2009 22:44

Straordinaria iniziativa, ci vorrebbe anche nel mio paese un impegno del genere per i bambini che trascorrono il pomeriggio dinanzi alla tv e che si atrofizzano il cervello a causa di certi giochi stupidi e cartoni animati violenti. Non fanno che combattere e uccidersi!!! Insegnano ai bambini solo violenza e che la guerra è bella!

valu85 09/24/2009 15:49

Ehm... sbaglio o quella in prima fila sono io? XDD
Comunque,Mamme e Papà splinderiane/i Romani,unitevi: quella libreria è davvero fantastica! Anch'io non volevo più uscirne, quindi ai vostri piccoli piacerà sicuramente!!! Inoltre Mara e Monica sono davvero gentili e dolcissime... Un saluto speciale va a loro!

valu85 09/24/2009 15:45

Condivido totalmente il tuo post, anche se non sono ancora una Mamma. C'è da dire una cosa,però. Ok che i bimbi non si devono rincretinire davanti a play station e tv, ma mi è capitato di conoscere, 2 o 3 anni fa, un bimbo. Gli ho fatto da baby-sitter per tutta l'estate e lo portavo tutte le mattine al parco giochi a giocare. Una mattina, faceva brutto tempo, gli ho proposto di vedere insieme un cartone animato. Beh, questo bimbo non sapeva chi fosse Biancaneve o la Bella Addormentata. Non è che ne conosceva la storia, ma essendo maschietto preferiva altri cartoni...NON SAPEVA PROPRIO DELLA LORO ESISTENZA.
Sembrerà una stupidaggine, ma restai scandalizzata. Sono cresciuta con i cartoni della Disney, li trovo molto belli ed educativi  e vedere un bimbo di tre anni che non conosce Cappuccetto Rosso, Biancaneve e altri personaggi fantastici... mi ha lasciato proprio una tristezza infinita dentro. La madre cosa mi ha detto? Che lei non gradisce che il figlio guardi la tv. Non lo trovo corretto perché anche la tv, con i suoi programmi adatti per i bimbi, può essere un valido mezzo per arricchire la fantasia dei bimbi.
Ovviamente ognuno la pensa come vuole, ma un domani i miei figli conosceranno sicuramente i cartoni animati della Disney... ^^

Per il resto,condivido: io amo leggere e un buon libro è un'altra soluzione ottimale, se non la migliore. Solo che, secondo me, alcuni genitori associano il libro al mondo dell'adulto o comunque a quello "dall'adolescente in poi" e pensano che soltanto con i giochi sia corretto far crescere il proprio figlio.
Purtroppo il libro è cosa sconosciuta a molti... che tristezza...

Jersey 09/23/2009 15:10

Alessia unisce le due cose..accende l'xbox e, prima di giocare al suo giochino preferito, OGNI VOLTA si legge le istruzioni. :D

APpevEHDG 09/22/2009 01:04

Come potevi immaginare il post l'ho gradito, tutto ciò che veicola la lettura è da me condiviso. Non solo per mere personali, se no dal 3 di ottobre che mangerò, ma anche perchè come hai capito mi piace leggere. Al punto da voler diventare un libraio.
Sono andato avisitare il sito della libreria da te citata è fatto in maniera deliziosa.
Sei pronta per venire a presentare il libro da me? Magari nei possimi giorni ti scirvo pvt!

Buona notte, BUONA VITA!

Chi Sono

  • : La Staccata
  • La Staccata
  • : Luana Troncanetti, scrittrice per caso, schiava devota dell'ironia, grafomane incallita e mamma strafelice di Alessandro, aka Superboy. Nel 2009 ho vinto il Premio Massimo Troisi per la scrittura comica e sono ancora qui a disegnare cerchietti in un angolo e a chiedermi: "Ma che s'erano pippati quelli della giuria?"
  • Contatti

Sneakers o tacco 12? Scegli il tuo banner!

Mamma staccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

mamma taccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

Bogo Approved Blog

bogo approved blog   

Archivio

I miei libri

More about Enciclopedia degli scrittori inesistenti More about Le mamme non mettono mai i tacchi More about Aggiungi un porco a favola More about Tris di risate More about Se mi lasci non male More about Hai voluto la carrozzina?