Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
27 aprile 2012 5 27 /04 /aprile /2012 15:04

panda-wwf.jpg

Questo è il secondo post dedicato alla Linea Baby WWF, potete leggere qui la prima puntata.

“Tieni, amore, ho un regalino per te…” ho detto qualche settimana fa a mio figlio. Nel corpuscolo rude del mio ometto, 30 chilogrammi scarsi di esplosiva e fiera mascolinità, alberga uno spirito sensibile neanche troppo sopito. Questo lo so bene, visto che l’ho partorito, ma francamente dubitavo che il contenuto della scatolina l’avrebbe tanto entusiasmato; è grandicello, ormai, per i pupazzetti. Questo ufficialmente, ufficiosamente sappiate che dorme con 3 orsetti di peluche, ma non azzardatevi a raccontarlo in giro.

Invece, come spesso capita, mio figlio ha stravolto ogni previsione. Azzeccare il suo umore del momento è complicato, mutevole com’è. A volte penso sia affetto da una lieve forma di bipolarismo: un attimo prima traffica con la schiuma da barba del padre e annuncia, serissimo, che fra qualche mese inizierà a radersi; un secondo dopo mi supplica di tenergli compagnia mentre fa la cacca perché sotto il piano doccia si nascondono branchi di fantasmi assassini. Che io sappia, il piano doccia di casa mia cela al massimo una colonia di muffa, quella sì  letale sul serio, ma torniamo al peluche del WWF se no mi perdo…

 
panda-cofanetto-copia-1.jpg

“Ma è troppo…troppo dolcissimo! No,mamma,daaaaaaaaaaaai ...” ha garrulato come un’adolescente di fronte a un poster a grandezza naturale di Zac Efron “...ma dove l’hai comprata ‘sta meraviglia?”

“Non l’ho comprato, tesoro. Me l’ha regalato il WWF perché sto scrivendo dei post che parlano della loro attività…”

“Forte! E tu cosa ci scrivi nei post?”

“Beh… racconto delle iniziative del WWF e invito chiunque voglia fare un regalo all’ambiente ad acquistare un cofanetto identico a questo, dove c’è l’adesivo per la macchina, un album da colorare, il certificato di cucciolo di WWF per il bambino che riceverà la scatolina e il panda carillon…”

“Cioè… il peluche suona?”

“Sì, amore…suona. Ecco…Ehmmm…un attimo solo, eh?!” e inizio a rivoltare il panda senza comprendere dove accidenti devo pigiare. Meno male che lui, che ha un cervello più settato del mio per la roba tecnologica, dopo qualche manovra intuisce che basta tirare il codino per far partire la musichetta.

Superboy sgrana gli occhioni, estasiato. Le mie sensazioni sono meno idilliache: passo dalla tenerezza, alla nostalgia, all’orrore ciclando come una lampada stroboscopica. Questo perché il delizioso panda del WWF snocciola la stessa melodia del papero musicale che gli avevo comprato quando era piccolissimo, convinta di “possedere” anch’io uno di quegli adorabili esemplari di neonato che si addormentano con le ninne nanne. Ero convinta male, ero: mio figlio non ha dormito per 3 anni e mezzo, perciò quella ninna nanna mi fa lo stesso effetto della musica di Profondo Rosso. Ma non allarmatevi: siate fiduciosi nel fatto che sì, le nenie hanno la capacità di stroncare i bimbi. A patto che non siano Superboy.  

Mio figlio si innamora del panda, inizia a decantare la sua straordinaria sofficità, la tenerezza degli occhioni nocciola, lo abbraccia con entusiasmo commovente. Felice per aver ritrovato la colonna sonora della sua primissima infanzia, continua a tirargli il codino. Una, due, tre, cinque, dieci volte, con stessa grazia di un boscaiolo di 150 chili alle prese con una sega elettrica inceppata.  

Praticamente scontato l’epilogo: il meccanismo del carillon si blocca.

Superboy mi fissa, sgomento, con lo sguardo.  Se siete capitati in questo blog, ci sono 10 possibilità su 1 che siate una mamma, quindi lo conoscete bene lo sguardo: quello che vi assurge a carica di Manny Aggiustatutto, anche se non sapete neanche da quale lato si afferra un cacciavite.  

Se non siete mamme, e google vi ha scaraventato qui dopo aver digitato “arredare la casa come la Signora in Giallo” oppure “Luana pannolona” (è capitato, eccome, google analytics non mente), prima di implementare la mia percentuale di rimbalzo leggetevi comunque questo post: potrebbe offrirvi lo spunto per un’ottima idea regalo. 

Tornando alla tragedia del carillon inceppato: cado nel panico mentre Superboy fugge via nell’altra stanza in lacrime: “Ecco, lo sapevo! Ora devo aspettare papà per aggiustarlo. Possibile che tu non sia capace di far funzionare nulla?”

Ferita nell’orgoglio e indecisa fra abbracciarlo e mollargli un blando scappellotto perché, cacchio, io aggiusto le cose meglio di Mike Delfino, istintivamente lo sganassone lo mollo al panda, proprio sulla nuca, esattamente come fa Gibbs ogni volta che Anthony DiNozzo spara una cavolata delle sue. Santo NCIS accoglie le mie suppliche: il carillon riprende a funzionare, Ale smette di piangere e io riassumo magicamente la carica di supereroe.   

Ora, prima che qualcuno mi trascini in un'aula di tribunale per maltrattamenti agli animali, dichiaro a mia discolpa che mi sono trovata a schiaffeggiare un piccolo panda indifeso per una giusta causa. Il fatto che fosse di peluche, poi, è un’attenuante mica cavoli, vostro onore. 

Concentratevi invece su chi fa del male sul serio agli animali, quelli in carne-pelo-piume-squame ed ossa che il WWF preserva dai bracconieri, dai cacciatori sconsiderati, dai folli che li trafugano dai paesi esotici per il gusto di esporre un rarissimo esemplare di pitone africano in soggiorno, magari accanto alla gondola kitsch acquistata a Venezia.

Si può proteggere l’ambiente e la biodiversità anche regalando a un bambino il cofanetto della Linea Baby WWF: un gesto simbolico per consegnargli una porzione di mondo tutta sua.

E’ un dono che avvicina i piccoli al WWF, facendoli sentire partecipi delle sue iniziative grazie alle notizie sulla natura che gli verranno inviate ad ogni compleanno e nelle occasioni importanti della sua vita, e che consente di sostenere concretamente i centri CRAS e i CRASE.

PS: Superboy ha naturalmente aggiunto al branco di orsetti “da notte” anche il cucciolo di panda del WWF. Se li trascina dietro ovunque, anche in vacanza. Dovrò comprargli un trolley più capiente, con l’ultimo acquisto siamo arrivati a quota 4.

E, mi raccomando, non raccontategli mai di aver letto questo post. O, se proprio volete farlo, aspettatevi che neghi, spudoratamente. Vi pare che un OMO di 8 anni che a breve inizierà a radersi si perda in scioglievolezze davanti agli orsetti di peluche?

Condividi post

Repost 0

commenti

Chi Sono

  • : La Staccata
  • La Staccata
  • : Luana Troncanetti, scrittrice per caso, schiava devota dell'ironia, grafomane incallita e mamma strafelice di Alessandro, aka Superboy. Nel 2009 ho vinto il Premio Massimo Troisi per la scrittura comica e sono ancora qui a disegnare cerchietti in un angolo e a chiedermi: "Ma che s'erano pippati quelli della giuria?"
  • Contatti

Sneakers o tacco 12? Scegli il tuo banner!

Mamma staccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

mamma taccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

Bogo Approved Blog

bogo approved blog   

Archivio

I miei libri

More about Enciclopedia degli scrittori inesistenti More about Le mamme non mettono mai i tacchi More about Aggiungi un porco a favola More about Tris di risate More about Se mi lasci non male More about Hai voluto la carrozzina?