Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
26 marzo 2011 6 26 /03 /marzo /2011 19:41
ghost writer


“Mamma, la maestra mi ha dato un elenco di parole e ci devo scrivere dei pensierini…”

“Ok, amore. Scrivili!”

“Mah… Ecco… Stavo pensando… Visto che tu sei tanto brava…”

Ruffianissimo adulatore. Continua, vediamo dove vai a parare

“Beh… Perché non me li scrivi tu?” Occhioni languidi, aria supplichevole.

Ecco, qui vai a parare. Esattamente come Gianluca, appetitoso compagno delle superiori il quale, grazie ai i suoi occhi blu assassini, mi fregava sempre. Gli avrò scritto almeno cinquanta temi. M'avesse mai invitata una pidocchiosa volta ad uscire, possino ammazzallo!

“A te che ti ci vuole? Ci metti un attimo a scrivere. Io mica sono uno scrittore!”

Se è per questo neanch’io, ma non divaghiamo.

“Tesoro, fai finta di avere davanti qualcuno che non conosca quella parola e tu gli devi spiegare cosa significa. Foglio, per esempio. Come descriveresti un foglio ?”

Dopo 3 minuti buoni di riflessione e numerose grattate di capo:

“Il foglio è bianco.”

“Mmmmmmhsì. E’ vero. Ma non ti viene in mente altro?”

“No, mamma. Passiamo alla parola agnello?”

“E passiamo alla parola agnello… Cosa ti fa venire in mente?”

“L’agnello è bianco.”

Come il foglio, già. E pensare che questo dovrebbe essere in teoria lo stesso bambino che sei mesi fa ha scritto una favola di quattro pagine… Questa, per i più curiosi…

“Ma’, ascolta… Io adoro leggere, ma quando devo scrivere è più difficile. Oggi, poi, non ho l’ispirazione. Scrivimeli tu, guarda che mica glielo dico alla maestra. Sarà il nostro piccolo segreto…” Occhiolino ammiccante, battito lussureggiante di ciglia.

“Ale, ma sei impazzito?”

“Ti pago, mamma. Apri il salvadanaio e prendi tutto quello che vuoi!”

Sì. E’ovviamente impazzito.

Naturalmente non ho ceduto alla sua lusinghiera offerta. Ad occhio e croce il suo porcellino di coccio custodisce cifre più consistenti del mio misero conto corrente.

Alla fine sono riuscita a scuoterlo dal suo torpore mentale ed è riuscito a buttare giù qualche frase più articolata de: “Il foglio è bianco”.

Questo è il resoconto di come qualcuno abbia tentato di corrompermi per trasformarmi in una ghost writer. In genere mi chiedono di perdere tempo ed energie in progetti che teoricamente dovrebbero farmi guadagnare visibilità (ma non soldi, per carita! Perché infognarsi in operazioni che potrebbero generare introiti di vile denaro?), oppure sono oggetto di offerte interessantisssssssssssime sul genere:“Scrivimi dieci post di 50.000 battute e ti regalo una delle nostre tazze da colazione con la foto di Tony Dallara”.

Mio figlio sarà fondamentalmente un disonesto traffichino, ma perlomeno si è offerto di pagarmi per i miei servigi. E di questi tempi, credetemi, non è una cosa che capita tutti i giorni.


Condividi post

Repost 0

commenti

anonimo 03/29/2011 11:15

A proposito di cose che ti vengono chieste e per cui non ti pagheranno...
vieni a leggere qui: http://lemcronache.blogspot.com/2011/03/le-mamme-blogger-fanno-la-cosa-giusta.html
ci farebbe davvero tanto piacere se partecipassi!

Micaela

ilmaredentrome 03/29/2011 09:17

è che più crescono e più affinano le armi per corrompere mamme dai nobili intenti...

(parla una mamma che ha passato un intero pomeriggio a studiare con la figlia per la verifica di inglese. La quale, con un coraggio da leonessa alle quattro di pomeriggio mi aveva assicurato di aver studiato tutto benissimo....)

staccata 03/29/2011 08:44

@chiaradinome: donna di ghiaccio sono
@oroserio: non vale, la tua è solidarietà maschile...
@pinkmommy: io adoro la tua logorrea, sorella!!!
@genitoricrescono: sì, come no!
@antonella: sempre incredibili i tuoi commenti!

anonimo 03/28/2011 21:57


Mi sento un po' vile a raccontar la mia...(grande superboy!!!!)...
Era un notte buia e tempestosa, i compiti avevano il peso della pioggia che scorreva incessante e io...con lo stesso sguardo di Crudelia De Mon posavo gli occhi inferociti sull'abusivo (all'epoca in quarta elementare).
"13 passi alla porta del diavolo"...e con Tono:
"Allora è tardi...i compiti erano tanti (troppi) io sono stanca tu pure.  Per questa volta, considerato il tuo impegno,  il  temino lo faccio io. Ma ricordati (qua parevo la mamma di cappuccetto rosso) che questa è la prima e l'ultima volta che lo faccio!
Non si fa pregare (ghigno) e va subito a letto.
Mi precipito al computer,  scrivo dieci righe, stampo, rileggo e con un po' di soddifazione, lancio il foglio sul tavolo...et voilà è fatta.

Alla mattina lo sveglio mezzora prima.
"Il temino è sul tavolo copialo e poi colazione, ma ti prego ricordati che non succederà più"
Vado a farmi il caffé, ogni tanto sbircio e lui scrive...scrive..scrive...scrive....e io sbircio...sbircio..

"Allora finito? Erano poi solo dieci righi da copiare no?

L'abusivo "Guarda mamma ho scritto 2 pagine, e volevo ringraziarti tantissimo.....ho preso 1 parola dal tuo racconto...grazie ancora, ora mi porti la colazione?

sbang!!!!!
Ora...I don't capisc very well... ,but  go to  scul and torn prest at home che mamm is very content!

antonella

 

anonimo 03/28/2011 09:49

E' un signore!

Chi Sono

  • : La Staccata
  • La Staccata
  • : Luana Troncanetti, scrittrice per caso, schiava devota dell'ironia, grafomane incallita e mamma strafelice di Alessandro, aka Superboy. Nel 2009 ho vinto il Premio Massimo Troisi per la scrittura comica e sono ancora qui a disegnare cerchietti in un angolo e a chiedermi: "Ma che s'erano pippati quelli della giuria?"
  • Contatti

Sneakers o tacco 12? Scegli il tuo banner!

Mamma staccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

mamma taccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

Bogo Approved Blog

bogo approved blog   

Archivio

I miei libri

More about Enciclopedia degli scrittori inesistenti More about Le mamme non mettono mai i tacchi More about Aggiungi un porco a favola More about Tris di risate More about Se mi lasci non male More about Hai voluto la carrozzina?