Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
5 marzo 2011 6 05 /03 /marzo /2011 10:33
DRACULA


Oggi mi sento molto green, quindi riciclo un vecchissimo post di quando Alessandro non aveva ancora cinque anni.  Adesso, fortunatamente, è lui che mi propone di costruire assieme le maschere di Carnevale, ma due anni fa le cose non stavano esattamente così…  

Ho sempre odiato i travestimenti poco originali. I vari Zorro, le principesse, le fatine, le tronfie dame di corte.  Adesso metterei al muro I Power Rangers, i Dragon Balls, I Gormiti, ovviamente non prima di aver preso a schioppettate nel sedere le fluttuanti, eteree, Winks  o piccole prostitute, come le chiama la mia migliore amica.

Mia madre ci ha sempre confezionato maschere innegabilmente fuori dagli schemi, a volte al limite del surreale. Si è superata quella volta in cui ha vestito mia sorella ( avrà avuto si o no 6 anni) da casalinga: camicia da notte di flanella, vestaglia a quadrettoni, ciabatte, bigodini in testa e - ciliegina sulla torta - una tonnellata di crema Nivea in faccia a mo’ di maschera di bellezza. Uno spettacolo, e giuro che non lo dico con sarcasmo!

Nel tentativo di emulare la mia fantasiosa mamma, e in previsione del prossimo Carnevale, mi è venuta la bislacca idea di travestire il nano da Conte Dracula. Come ben sa chi mi legge, il mio piccino non è assolutamente la creatura più tranquilla del pianeta, quindi la maschera gli calza a pennello. L'idea è nata in modo casuale un paio di giorni fa, a casa di un suo amichetto che aveva un mantello da Zorro. Superboy, neanche a dirlo, ha iniziato a piagnucolare perché ne voleva uno identico.


In macchina, di ritorno verso casa, stavo quasi cedendo al suo ricatto di andare a cercargli 'sto benedetto mantello da Zorro. Ma erano le 19:00 passate, pioveva, ero sfinita dalle sue urla e dal traffico congestionato. Fortunatamente mi viene in mente che in casa avevo ancora il vecchio mantello da Dracula di mio marito (non che Papy si diletti a succhiare il sangue alle vergini, è una reliquia dei bei tempi andati in cui ci divertivamo a travestirci a Carnevale).

Fiuuuuuuuu! Salva!

Si, salva un par de ciufoli...Mio marito è un omaccione corpulento. Non sfoggia un’ altezza vertiginosa, ma sfiora dignitosamente il metro e settantacinque. Superboy è uno scricciolino, un cosetto secco e lungo che sarebbe soffocato in quella tonnellata di raso. Soluzione? Tagliare il mantello... Sì, vabbe’… Io non distinguo un ditale da una spoletta di filo, figuriamoci riadattare un enorme mantello al corpuscolo del nano. 

Per fortuna mia suocera, maga dell'ago e filo, tira fuori un minuscolo scampolo di raso nero (a casa sua basta chiedere e ti sarà dato: ha bisogno di 15 kg di farina? Lei ce l'ha! Ti serve un arrosto da un 3 chili e mezzo? Già pronto in frigo, col suo bravo contorno di patate ! Hai bisogno di un mantello da vampiro? Apre il suo campionario di stoffe pregiate e ti fa scegliere il tessuto preferito... Basta poco, che ce vo’?). Dopo 10 minuti il mantello è pronto. Mannaggia a me e quando mi è venuto in mente! Il mantello è magico, e con quello lui sa volare. Più velocemente del solito. Anche senza mantello corre così forte che i suoi piedi non sfiorano neanche il terreno... Figuriamoci con il mantello di DraculaS.


Si, proprio DraculaS. Non so se la mia famiglia vanti anche qualche trisavolo spagnolo. Il nostro DNA è piuttosto variegato: sangue marchigiano, romano, calabrese, napoletano, ma spagnolo no, non mi sembra proprio... Eppure quella S non sono proprio riuscita a fargliela togliere e si incavola come una bestia, se provo a correggerlo.

Superboy, che vive in simbiosi con il padre, lo ha costretto ad infilare il suo vecchio mantello. Così, dopo aver visto girare in casa per ore due cosi neri svolazzanti, ad un certo punto l'ideona... 

“Lilliiiiiiiiiiiiii! (questo è il virile nomignolo con il quale chiamo ogni tanto il nano e sarà uno dei tanti motivi per i quali, prima o poi, Papy otterrà il divorzio)

“Lilli, amore, vogliamo vestirci da Conte Dracula per Carnevale?”

“Da DraculaS, vorrai dire...”


“Sì, sì, amore. Da DraculaS, come dici tu!” (ho squittito, tutta infervorata all’idea di non dover comprare la maschera da Power Ranger)

“E come ci si veste da DraculaS?”

“Beh, ci si veste tutti di nero, ci si mette il mantello...”

“Quello già ce l’ho...”

“Si, gioia, infatti ... Poi ci facciamo le sopracciglia nere, mamma ti mette il fondotinta chiaro in faccia, ti disegna le occhiaie e poi... e poi, beh…ecco… poi ti disegno il sangue finto sulla bocca..”

“Il sangue che?”

(Sempre più incerta ) “No, non è proprio sangue... Ti metto il rossetto..”

“Il rossetto? E che DraculaS è una femmina? E poi il sangue fa schifo!! Guarda che a me non mi piace ‘sta maschera di DraculaS...Perché mi dovresti disegnare il sangue finto sulla bocca?”

Avrei dovuto rispondergli: “Perché è un dannato mostro che esce da una bara all’ora delle streghe e vive nutrendosi di sangue. Le sue vittime, una volta morse, diventano vampiri e iniziano anche loro a succhiare sangue e, all’occorrenza, sanno trasformarsi in fetidi pipistrelli velocissimi ad infilarsi nelle camere da letto a notte fonda e puoi farli fuori soltanto infilando loro un paletto di frassino nel cuore...”

Ma ha non ha ancora cinque anni, non mi è sembrato il caso...

Ho glissato con rassegnazione la domanda. Qualche minuto dopo ero già al telefono con la mia amica Manuela per domandarle dove avesse comprato la maschera da Power Ranger...   


Condividi post

Repost 0

commenti

Suster 03/08/2011 19:18

Spero che alla fine tu non ti sia arresa davvero ai Power Rangers!
CHe figa tua mamma! Anche i miei genitori avevano la pazienza e la fantasia di prepararci i vestiti con le loro mani. Purtroppo apprezzo solo adesso, che già mi preoccupo per i prossimi anni a venire, quando le richieste di costumi da fatina e principessa verranno rivolte a me, che non ho nè pazienza nè fantasia nè abilità bastevoli a proporre alternative valide..

anonimo 03/07/2011 16:00

...anche io come te odio i travestimenti comuni a tutti....
infatti il mio monello di 18 mesi...l'ho travestito da carcerato!!!

ti prego non ditemi anche voi che è macabro come travestimento!!!
a me fa così ridere

provare per credere.....sulla mia pag fb ci sono quintalate di fotine!!!!

baci
marianna

anonimo 03/07/2011 12:26

complimenti, il tuo blog è sincero, non come quell'altro blog più famoso dove non si può dire che è la fantasia della mamma..

angeliss 03/07/2011 12:08

 Un salutone

Simonedejenet 03/05/2011 15:00

Questo sembra un bambino che crescerà bene. E, se tutto va bene, non guarderà neanche il gf34, da grande ;)

Chi Sono

  • : La Staccata
  • La Staccata
  • : Luana Troncanetti, scrittrice per caso, schiava devota dell'ironia, grafomane incallita e mamma strafelice di Alessandro, aka Superboy. Nel 2009 ho vinto il Premio Massimo Troisi per la scrittura comica e sono ancora qui a disegnare cerchietti in un angolo e a chiedermi: "Ma che s'erano pippati quelli della giuria?"
  • Contatti

Sneakers o tacco 12? Scegli il tuo banner!

Mamma staccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

mamma taccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

Bogo Approved Blog

bogo approved blog   

Archivio

I miei libri

More about Enciclopedia degli scrittori inesistenti More about Le mamme non mettono mai i tacchi More about Aggiungi un porco a favola More about Tris di risate More about Se mi lasci non male More about Hai voluto la carrozzina?