Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
12 novembre 2012 1 12 /11 /novembre /2012 09:09

    cuori.jpg

Metti un giorno in cui i tuoi figli hanno trascorso un pomeriggio a strapparsi la lingua a vicenda, o hanno vomitato a scacchiera tutta la notte a causa di una gastroenterite fulminante, oppure si sono accapigliati a oltranza per il predominio di un vecchio paio di mutande sbrindellate.

Metti che il più piccolo stia mettendo i dentini e non ti fa chiudere occhio da un mese, e il “grande” (6 anni appena compiuti) abbia preso a risponderti peggio di un adolescente avvelenato dal pessimismo cosmico, metti che tu stia subendo da mesi una pesante azione di mobbing in ufficio, ma non puoi licenziarti perché hai un mutuo sul groppone.

Metti che tua cognata/tua suocera/tua cugina/quella che in teoria dovrebbe essere la tua migliore amica si siano coalizzate contro di te per suggerirti ogni 30 secondi come dovresti educare i tuoi figli, o che il tuo compagno appartenga alla specie (per fortuna in via d’estinzione) dei trogloditi che non cambiano un pannolino neppure se gli allunghi 500 Euro o gli prometti una lunga serie di notti di sesso sfrenato.

Metti che hai la febbre da tre giorni, ma non ti puoi concedere il lusso di ficcarti a letto perché se no chi farebbe la spesa/preparerebbe la cena/pagherebbe le bollette in scadenza? visto che l’intera famiglia è malata? E l’intera famiglia, nel tuo caso, si regge soltanto sulle tue fragili spalle.

Somma tutti questi fattori, immagina di accendere il pc in cerca di conforto e di googlare “vita da mamma”. Metti, infine, di finire per disgrazia su uno di quei siti/blog/gruppi Facebook infarciti di frasi melense, cuoricini in ordine sparso e foto idilliache di mamme/papà intenti a cullare con aria estasiata pargoli sorridenti e/o addormentati compostamente nei loro lettini color pastello.     

Ricaccia indietro la tua voglia di impiccarti con i lacci delle scarpe da ginnastica (altro, per il momento, non riesci a indossare perché vai sempre di fretta), respira profondamente, riprendi contatto con la realtà e convinciti di una cosa: non sei sbagliata tu. A sbagliare sono quelli che si ostinano a mostrare soltanto la parte migliore della maternità, quella tutti emoticon sorridenti e attimi d’amore, quella dove esiste solo “il cucciolo adorato di mammina sua”.

I figli sono “cuccioli”, è vero, ma la specie più comune è il T-REX con rare, fortunatissime e sporadiche variazioni verso il gattino d’angora.   

Non sono una donna che si lamenta della maternità. Non l’ho mai fatto, anche se le evidenze giocano tutte a mio sfavore. Diventare mamma mi ha completata come persona. Mi ha regalato una gioia indescrivibile, ma la dipingo a modo mio. Chiedo scusa a chi gestisce questi spazi e sono cosciente del fatto che ognuno sia libero di raccontare la sua vita come meglio preferisce, ma darsi una regolata non guasterebbe.  

Il mio personalissimo parere è che eliminare di tanto in tanto un cuoricino glitterato a favore di un “Oggi mi sento stanco/a morta, voglio emigrare in Patagonia. Capita anche a voi?” non toglierebbe nulla all’amore che nutrite per i vostri “cuccioli”, aggiungerebbe semplicemente veridicità al quotidiano di un genitore.  

La nostra vita non è tutta rose e fiori. Le spine ci sono, eccome. Pungono, e fanno male. Sapere che di rosai pungenti il mondo è pieno non attenua il profumo inebriante dei fiori. Serve a sanguinare di meno, cicatrizza le ferite, aiuta a non sentirsi alieni. Insomma: ce la fate a pubblicare un cuoricino in meno a favore di un’immagine un istante più autentica? Il popolo intero delle mamme ve ne sarà grato. E pure quello dei papà, sono pronta a scommetterci.

Condividi post

Repost 0

commenti

la staccata 11/16/2012 08:51

@Marzia: il tuo blog è splendido, e non inibisce affatto il tasso di natalità. Convolge chiunque, sia chi viva la tua stessa situazione, sia chi non la vive. Altro che cuoricini de 'sto cavolo

@el_gae: grande saggio il tuo "vecio". Ho riso per 5 minuti di fila, da sola, come una scema.

El_Gae 11/15/2012 16:19

Non sono mai stato tipo da cuoricini. E fortunatamente non vivo in ambienti un cui sia richiesto. Ricordo che tantissimi anni fa mio cognato, all'epoca adolescente, tornò con un gadget per il
telefonino (uno dei primi, con l'antenna) che si chiamava trilla brilla. Un cuoricino glitterato che luccicava ad ogni chiamata. Mio suocero, uomo d'azione e tutto d'un pezzo sentenzio: "Spero che
te gapi speso massimo on euro par sta monada, senò gaveo pi caro che tei spendessi in putane!" (trad: spero che tu abbia speso al massimo un euro per acquistare siffatto orpello altrimenti avrei
preferito di gran lunga un tuo investimento sul mercato del sesso)
Per dire che quando è troppo è troppo, anche con i cuoricini.

Marzia 11/13/2012 15:05

Ops ... non è che io proprio invogli la gente a riprodursi ... invece dei cuoricini preferisco la sincerità, vale sia nei momenti buoni che nelle fughe tanto desiderate!

la staccata 11/12/2012 20:32

@ero Lucy: già, dà parecchio fastidio anche a me. Le donne che dipingono la maternità come un incubo perenne e/o come un fastidio costante rischiano di azzerare il livello già bassino di natalità,
almeno in Italia.

@Grazia: ma figurati, sono io che ringrazio te per esserti affacciata da queste parti. La verità sta a metà fra i cuoricini sparati a raffica e il terrorismo psicologico. "Felice ma spesso un po'
stanca" è a mio avviso una definizione perfetta per un genitore.

Grazia 11/12/2012 20:18

Finalmente!!! Parole sante!!! Grazie per questa boccata d'aria fresca!
Un saluto da una mamma sempre felice ma spesso un pò stanca!

Chi Sono

  • : La Staccata
  • La Staccata
  • : Luana Troncanetti, scrittrice per caso, schiava devota dell'ironia, grafomane incallita e mamma strafelice di Alessandro, aka Superboy. Nel 2009 ho vinto il Premio Massimo Troisi per la scrittura comica e sono ancora qui a disegnare cerchietti in un angolo e a chiedermi: "Ma che s'erano pippati quelli della giuria?"
  • Contatti

Sneakers o tacco 12? Scegli il tuo banner!

Mamma staccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

mamma taccata

Copia/Incolla il codice nel tuo sito:

Bogo Approved Blog

bogo approved blog   

Archivio

I miei libri

More about Enciclopedia degli scrittori inesistenti More about Le mamme non mettono mai i tacchi More about Aggiungi un porco a favola More about Tris di risate More about Se mi lasci non male More about Hai voluto la carrozzina?